Il gioco del Lotto

Il gioco del Lotto si basa sull'utilizzo dei numeri da 1 a 90: consiste nel pronosticare l'uscita di un numero (estratto), di un numero specificando la relativa successione ordinale di primo, secondo, terzo, quarto o quinto estratto (estratto determinato), di due numeri (ambo), di tre numeri (terno), di quattro numeri (quaterna) o di cinque numeri (cinquina) su una singola ruota o su tutte e dieci le ruote o sulla ruota nazionale.
Su ogni schedina possono, al massimo, essere indicati 10 numeri.

Cenni storici


Il lotto deriva dalla pratica in uso a Genova, nel XVI secolo, che consisteva nello scommettere su cinque, tra 120 nomi di nobili genovesi, che sarebbero stati prescelti tra i membri del Serenissimo Collegio.
A Torino, nel 1674, questa stessa modalità di gioco prende il nome di "Lotto della zitella", poiché a ciascun numero è abbinato il nome delle ragazze povere ed i proventi del sorteggio vengono distribuiti loro in dote.
Il gioco, in ragione della sua semplicità, si estende ad altre città italiane, nonostante i tentativi di proibire le scommesse e le minacce di scomunica. Nel 1731, tuttavia, lo Stato Pontificio ne autorizza l'esercizio, destinandone i proventi al finanziamento di opere architettoniche e di pubblica utilità, quali la costruzione della Fontana di Trevi e la bonifica delle paludi pontine.
Le estrazioni dei numeri, col tempo, divengono sempre più numerose; da quelle annuali si giunge progressivamente a quelle settimanali, svolte tradizionalmente il sabato. Nel 1863, con l'unità d'Italia, lo Stato decide di disciplinare il gioco anche ai fini fiscali; inizialmente come sedi estrazionali, vengono scelte otto città d'Italia: Bari, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia, alle quali, nel 1939, si aggiungono Cagliari e Genova.
Nel 1994 il lotto è affidato all'amministrazione autonoma dei monopoli di stato, la quale ne dà in concessione il servizio ad un operatore specializzato, la Lottomatica.
Nel 1997 è istituita una seconda estrazione nella giornata del Mercoledì: una parte dei proventi erariali sono destinati al Ministero per i beni culturali e ambientali per il recupero e la conservazione dei beni culturali archeologici, storici e artistici.
A partire dal 2 maggio 2005 è stata avviata la raccolta del gioco sulla ruota nazionale. Le giocate effettuate "per tutte le ruote" non comprendono la ruota nazionale.
Da martedì 21 giugno 2005 parte la terza estrazione settimanale.

Dove si gioca


I punti di raccolta del gioco del Lotto automatizzato sono collocati presso:
- le tabaccherie;
- le ricevitorie del Lotto;
- le rivendite speciali permanenti presso le stazioni ferroviarie e marittime, gli aeroporti e presso le aree di servizio autostradali;
- le sale bingo, gli ipermercati e i centri commerciali.
I ricevitori del gioco possono effettuare la raccolta delle giocate dalle 7 alle 24 dei giorni feriali, ad eccezione dei giorni in cui avviene l'estrazione, nei quali la raccolta termina alle 19,30.

Come si gioca


Le città di Bari, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia sono sedi di ciascuna "ruota"; in esse, alla presenza di pubblici funzionari, vengono effettuate le estrazioni di cinque numeri compresi tra 1 e 90.
Nel 2009 le estrazioni diventano automatizzate ed in sole tre sedi secondo il seguente calendario: il 16 giugno si inizia da Roma dove vengono automatizzate le ruote di Roma, Cagliari, Firenze e della ruota nazionale; il 23 giugno è la volta di Milano che ospita le estrazioni automatizzate delle ruote di Milano, Genova, Torino e Venezia; e per finire il 15 settembre a Napoli si avviano le estrazioni automatizzate delle ruote di Bari, Napoli e Palermo.
Il gioco, infatti, consiste nel pronosticare l'uscita di un numero (estratto), di un numero specificando la relativa successione ordinale di primo, secondo, terzo, quarto o quinto estratto (estratto determinato), di due numeri (ambo), di tre numeri (terno), di quattro numeri (quaterna) o di cinque numeri (cinquina) su una singola ruota o su tutte e dieci le ruote. Su ogni schedina possono, al massimo, essere indicati 10 numeri.
La puntata minima è di 1 Euro con incrementi di 0,50 Euro, fino a un massimo di 200 Euro. Il limite di vincita, per ogni scontrino di gioco, è di 6 milioni di Euro. A seconda della combinazione di gioco prescelta, la posta è, infatti, moltiplicata per i seguenti coefficienti:
- 11,233 per estratto
- 55 per estratto determinato
- 250 per ambo
- 4.500 per terno
- 120.000 per quaterna
- 6.000.000 per cinquina
Il premio massimo cui può dar luogo ogni scontrino di giocata, comunque sia ripartito tra le poste l'importo delle scommesse, non può eccedere la somma di 6 milioni di euro.
Esiste, inoltre, la possibilità di giocare al Lotto utilizzando le schede prepagate (Lotto telefonico), il cui valore va da un minimo di 10 Euro fino a un massimo di 500 Euro.

Calcolo delle vincite


Nella tabella che segue sono indicati i coefficienti per il calcolo delle vincite che si ottengono in base alla quantità di numeri messi in gioco e al tipo di vincita. Detti coefficienti si riferiscono al gioco su ruota e quindi per il gioco su TUTTE vanno divisi per dieci tutti i valori riportati.

NUMERI

Ambata

Estratto

Determ.

Ambo

Terno

Quaterna

Cinquina

1 11,233 55 - - - -
2 5,616 27,5 250 - - -
3 3,744 18,333 83,33 4500 - -
4 2,808 13,75 41,67 1125 120000 -
5 2,246 11 25 450 24000 6000000
6 1,872 9,167 16,67 225 8000 1000000
7 1,605 7,857 11,9 128,57 3428,57 285714,29
8 1,404 6,875 8,93 80,36 1714,29 107142,86
9 1,248 6,111 6,94 53,57 952,38 47619,05
10 1,123 5,5 5,56 37,5 571,43 23809,52

Riscossione delle vincite


Per incassare le vincite è indispensabile che lo scontrino sia integro ed in originale: nessuna altra documentazione è ammessa in sostituzione. Lo scontrino deve essere presentato per il pagamento entro e non oltre il 60° giorno dalla data dell'estrazione, a pena di decadenza. In caso di denuncia di furto o smarrimento di uno scontrino vincente, si procede al blocco del relativo pagamento.
Le vincite il cui importo non supera 2.300 Euro sono pagate dal raccoglitore del gioco del Lotto presso il quale è stata effettuata la giocata, fatta eccezione per quelle conseguite attraverso giocate effettuate presso le ricevitorie speciali o con schede prepagate del Lotto telefonico, il cui pagamento può essere richiesto presso qualsiasi ricevitoria; il pagamento può essere immediato qualora il ricevitore abbia disponibilità di cassa.
Il vincitore impossibilitato a presentare lo scontrino nella ricevitoria presso la quale ha effettuato la giocata vincente, può inviarlo, entro il suddetto termine dei 60 giorni dalla data di estrazione, alla Lottomatica (Ufficio riscossioni e pagamenti), quale soggetto concessionario della gestione del gioco.
Per le vincite di importo superiore a 2.300 Euro, e fino a 10.500, gli scontrini vanno presentati per la prenotazione della vincita presso il punto di raccolta dove è stata effettuata la giocata vincente o presso qualsiasi altro punto di raccolta. Il pagamento è eseguito, entro 15 giorni dalla presentazione dello scontrino, con la forma di pagamento prescelta (vaglia cambiario, accredito su c/c postale o bancario).
Per le vincite superiori a 10.500 Euro gli scontrini vincenti vanno presentati direttamente presso qualsiasi filiale della Banca Intesa BCI ed il pagamento sarà effettuato entro 15 giorni dalla data di presentazione all'incasso.

10eLOTTO


Il 10eLOTTO è un nuovo gioco opzionale, che si può giocare (a partire dal 10 giugno 2009) dopo aver effettuato una giocata al Gioco del Lotto e che offre tanti modi per giocare e vincere.
Per effettuare una giocata al 10eLOTTO occorre:
1. SCEGLIERE 10 NUMERI
La nuova schedina contiene un’area dedicata al 10eLOTTO dove si possono scegliere 10 numeri (anche diversi da quelli giocati al Lotto). Se non si sceglie alcun numero o se ne scelgono meno di 10, i numeri mancanti possono essere assegnati randomicamente dal sistema.
2. SCEGLIERE LA MODALITÀ DI ESTRAZIONE
Si hanno a disposizione due modalità per confrontare i 10 numeri scelti su 20 numeri vincenti:
- Si può aspettare l’Estrazione del Lotto, in questo caso si devono confrontare i propri 10 numeri giocati con i 20 presenti sulle prime due colonne del Notiziario delle Estrazioni. In caso di numeri ripetuti, per raggiungere i 20 numeri vincenti vengono presi in considerazione quelli risultanti dalle altre colonne del Notiziario delle Estrazioni a partire dalla terza colonna, iniziando dalla Ruota di Bari e proseguendo in ordine alfabetico (la Ruota Nazionale è sempre esclusa);
- Si può tentare la fortuna con l’Estrazione Immediata, in questo caso, invece, si confrontano i 10 numeri giocati con i 20 estratti automaticamente dal sistema e stampati sullo scontrino di gioco.
In ogni caso si ha sempre la possibilità di sceglierle entrambe.
3. SCEGLIERE L’IMPORTO
Con il 10eLOTTO si può giocare da 0,50 euro fino a 10 euro per modalità d’estrazione. In ogni caso l’importo totale giocato al 10eLOTTO non può superare quello giocato al Gioco del Lotto.
Queste le vincite possibili:
0 numeri esatti, 2 volte la posta;
5 numeri esatti, 5 volte la posta;
6 numeri esatti, 15 volte la posta;
7 numeri esatti, 100 volte la posta;
8 numeri esatti, 1.000 volte la posta;
9 numeri esatti, 30.000 volte la posta;
10 numeri esatti, 500.000 volte la psota.
Se al momento della giocata al 10eLOTTO il terminale emette un segnale acustico si vince un Premio Istantaneo di pari importo della giocata al 10eLOTTO a cui è associato!